APPELLO IN DIFESA D'ISRAELE E DEL POPOLO EBRAICO
Scritto alle 04/12/07 alle 07:12:30 AST da iocaws
Annunci appelli e comunicatiCon preghiera di massima diffusione a tutti i vostri contatti, pubblicatelo in siti,forum,blog ecc...
 
Per aderire inviate un'email a: indifesadisraele@gmail.com inserendo nome, cognome, città e professione.
 
Lettera-appello in difesa d'Israele e del popolo Ebraico
 
Noi sottoscritti, in quanto cittadini italiani desideriamo esprimere la nostra più totale solidarietà allo Stato d'Israele ed al popolo Ebraico, troppe volte vittime di guerre, terrorismo e persecuzioni.

Riteniamo doveroso sostenere lo Stato d'Israele per i seguenti motivi:
1)E' l'unico Stato democratico del Medio Oriente
2)E' uno Stato che fin dalla sua fondazione si è trovato costretto a fronteggiare guerre e terrorismo
3)Rappresenta l'unica speranza per il popolo Ebraico che vive nella Diaspora(fuori da Israele ndr), nel caso dovesse subire altre persecuzioni
Inoltre vogliamo appellarci al Governo italiano ed all'Unione Europea nel ricordargli l'ignominia del nazifascismo, delle leggi razziali e delle persecuzioni che hanno portato alla morte di 6 milioni di Ebrei, oltre ad aver procurato un trauma indelebile nei sopravvissuti.
 
Proprio per queste ragioni, noi sottoscritti riteniamo doveroso costituire questo comitato in difesa d'Israele il cui scopo è quello di diffondere il più possibile petizioni, idee e proposte in difesa dello Stato Ebraico d'Israele, nonchè quello di tradurre materiale utile alla difesa d'Israele in italiano.
 
Dobbiamo mobilitarci specialmente ora che il gruppo terroristico Hamas ha preso il potere a Gaza con una guerra fratricida tra palestinesi, che gli Hezbollah si stanno riarmando e rafforzando notevolmente e che l'Iran di Ahmadinejad minaccia continuamente di "far sparire Israele dalla carta geografica".

L'adesione al comitato è assolutamente gratuita e vi possono aderire tutti, senza distinzioni di età, sesso, etnia e religione.

Cordiali saluti

Comitato "In difesa di Israele" - Roma

Commenti ricevuti:
 
 mi permetto
Scritto alle 04/12/07 alle 07:59:37 AST da Admin
di darti un suggerimento, secondo me dovresti cambiare quella parte che fa riferimento all'olocausto in quanto il diritto di un popolo ad esistere e ad avere una terra, non è sancito dalle persecuzioni che ha subito, ma dalle vittorie che ha riportato.

Israele dal 1948, quando è diventato Stato a tutti gli effetti ha subito aggressioni da una marea di popolazioni non solo confinanti, ma che hanno l'islam come distintivo e ha vinto tutte le guerre, mentre i paesi islamici che già erano alleati con Hitler (vedi gram mufti di Gerusalemme) non solo hanno perso la guerra del 45, come l'abbiamo persa noi, e di conseguenza la Terra iniziale non poteva essere più messa in discussione, esattamente come non possiamo più mettere in discussione oggi la sottrazione dell'Istria, del Montenegro e altre province italiane che sono andate nei secoli ad altre nazioni e vi sono rimaste.

Israele come detto ha vinto tutte le guerre e ha dovuto allargare i propri confini per motivi di sicurezza, perché nonostante le nazioni confinanti avessero perso, hanno continuato anche dopo l'essere state respinte ed il "cessate il fuoco" a ricevere bombardamenti mirati con i razzi e attacchi kamikaze, che hanno insanguinato anche il mondo occidentale.

Ne consegue che chi vince la guerra, si tiene la terra conquistata. E' un principio che nessuno ha messo mai in discussione per altri stati e puoi usare i paragoni con Armenia (parte annessa alla Turchia), Ceuta (Marocco) appartiene alla Spagna, e per restare ancora più vicini e fare un esempio che nessuno ti può contestare: la spartizione del Kurdistan in 4 province separate, restando soltanto piccola parte indipendente e ovviamente l'Italia, ma se cerchi un po' nella storia ci sono altre situazioni simili, come l'annessione della Scozia alla Gran Bretagna, di gran parte dell'Irlanda, ecc.

Se punti solo sull'olocausto stai perdendo la tua battaglia. Israele ha troppo coraggio e dignità per pietire, l'olocausto lo conoscono tutti anche i negazionisti, non temere di cambiare il tono di questo appello:
SU' LA TESTA, CHE NE AVETE IL DIRITTO!!!

 Inanzitutto
Scritto alle 04/12/07 alle 11:33:03 AST da iocaws
Cara Adriana Bolchini Gaigher, inanzitutto permettimi di ringraziarti per aver dato risalto a questo appello diffondendolo nella tua mailing-list, ti ringrazio infinitamente.
Quello che dici tu è senz'altro vero e lo condivido in pieno, so bene che può sembrare diversamente, ma la citazione della Shoah contenuta nell'appello è semplicemente la citazione di un fatto storico che ha provocato tanta sofferenza all'umanità(non solo al popolo Ebraico), so benissimo che l'Olocausto non è affatto la ragione della fondazione dello Stato d'Israele, in quanto i primi pionieri Sionisti risalgono ai primi del '900 se non addirittura agli ultimi anni dell'800.
Per alcuni il mio appello è troppo "duro" perchè non riconosce la necessità di uno Stato palestinese, ma ho già avuto modo di spiegare che non è questo il senso dell'appello, in quest'appello(e soprattutto)nel Comitato lo Stato palestinese non c'entra, si può parlare d'Israele,di popolo Ebraico tenendo fuori la questione dello Stato palestinese ed il motto "due popoli,due Stati", che molto spesso è semplicemente pura demagogia che non tiene conto della realtà.
Scusami per la lunghezza del commento, ti ringrazio ancora per aver diffuso l'appello.
Cordiali saluti
Davide

 SU' LA TESTA, CHE NE AVETE DIRITTO!!!
Scritto alle 04/12/07 alle 13:25:48 AST da albertopancheri
Brava, Admin, condivido in pieno: ciò che può essere anche, solo lontanamente, confuso per pietismo lasciamolo agli islamo-nazi-comunisti che, solo in questo campo, sono maestri.

 Su la testa che ne avete il diritto.
Scritto alle 04/12/07 alle 14:28:50 AST da Parvus1
Due cose:
Condivido il pensiero di admin.
Ho aderito all'appello.
Parvus.

 Appello in difesa di Israele-nazione ebraica
Scritto alle 04/12/07 alle 14:56:30 AST da francoazzurro
Firmo l'appello convintamente specialmente dopo quanto è successo ad Annapolis.

"Accettare Israele come stato ebraico?"
di Daniel Pipes
Jerusalem Post
29 novembre 2007
http://it.danielpipes.org/article/5151

Leggetelo e rileggetelo.

Quei signori sono dei delinquenti matricolati. Non guardano in faccia a nessuno, neanche alla loro mamma.
Non meritano di vivere nel consesso umano, perchè sono esseri pericolosi.

Leggete quale misero ricatto deve subire una democrazia quale quella di Israele, dopo che l'Occidente li ha sostenuto con esborso di fondi continui. Al mio paese gente così la chiamiamo "mangiafranchi a tradimento".
E' intollerabile che un capo di stato come Olmert debba sentirsi dire, proprio da loro, che "...NON ESISTE ALCUN PAESE AL MONDO DOVE L'ENTITA' RELIGIOSA E QUELLA NAZIONALE SI INTRECCIANO...". E nessuno ha regito!

Che si tronchino da subito i negoziati e che facciano pure la "guerra degli uteri". Staremo a vedere chi la vince!

 Per Israele
Scritto alle 04/12/07 alle 16:47:40 AST da Max48
Condivido l'appello pro Israele ed ancor più condivido le considerazioni di Admin.
A mio modesto parere Israele è uno dei pochi Stati con le "palle" ancora esistenti.

 Grazie mille
Scritto alle 05/12/07 alle 04:03:42 AST da iocaws
Grazie mille ragazzi per il sostegno che mi state dando, non immaginate quanto sia importante

 Viva Israele
Scritto alle 05/12/07 alle 15:45:09 AST da Arik


Inserirò il tuo appello nel mio blog!
Condivido e firmo

 Viva Israele
Scritto alle 05/12/07 alle 15:46:58 AST da Arik
dimenticavo: il mio blog è http://www.vivaisraele.blogspot.com


 ho firmato
Scritto alle 06/12/07 alle 04:39:31 AST da deborah
l'appello giorni fa quando mi e' arrivata la email.
Adesso lo metto anche sul mio blog
http://deborahfait.ilcannocchiale.it/
ciao e a tutti e grazie admin

 Arik abbiamo
Scritto alle 06/12/07 alle 09:25:15 AST da Admin
aggiuntoil tuo sito nei nostri top link

Pubblicazioni e Commenti proposti da www.nomedelsito.com: LISISTRATA
La Direzione del Portale non è responsabile del contenuto dei commenti.