Accuse su Sarkozy: organizzati bus separati per uomini e donne

Filed under: Europa |

L’Ump, il partito di Nicolas Sarkozy – candidato a un secondo mandato nelle elezioni presidenziali francesi di aprile e maggio – fa la corte ai musulmani e avrebbe messo a loro disposizione dei pullman separati riservati rispettivamente a uomini e donne per condurli al grande meeting elettorale che il presidente candidato ha tenuto domenica scorsa a Villepinte.

Oltre alla visita effettuata ieri da Sarkozy alla grande Moschea di Parigi – dove il presidente uscente ha teso una mano ai musulmani di Francia, cercando di sopire le polemiche sulla carne Halal – la stampa francese rileva oggi che l’Ump ha organizzato un servizio di navette gratuite per portare i componenti di diverse associazioni musulmane a Villepinte.

In un articolo intitolato ‘bus halal’, il settimanale satirico Le Canard Enchainé si spinge addirittura a dire che quei bus trasportavano in modo separato uomini e donne. Una notizia che ha fatto immediatamente reagire il Movimento dei giovani socialisti che denuncia sul suo sito “i bus della vergogna” e un “gioco malsano e pericoloso” dell’Ump. Contattato da Le Monde.fr, Patrick Karam, responsabile per la Diversità (così dicono in Francia) della campagna di Sarkozy, smentiva seccamente l’informazione. “Non abbiamo mai praticato questo tipo di separazione. Abbiamo semplicemente messo a disposizione di alcune associazioni musulmane dei bus specifici”.

Una versione confermata da M’hammed Henniche, segretario generale dell’Unione delle associazioni musulmane della Seine-Saint-Denis, nella banlieue difficile di Parigi: “Non ci sono stati bus separati”, dice, spiegando che un unico pullman partito da Montreuil comprendeva solo donne perché era riservato a un centro di formazione femminile. I due uomini confermano però l’esistenza di una campagna specifica dell’Ump in direzione dei musulmani. Un’azione che tenta soprattutto di sedurre le moschee e i loro responsabili, a meno di 40 giorni dalle presidenziali.(ANSAmed).

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *