Il prezzo del petrolio e le riserve strategiche

Filed under: FINANZA internazionale |

20 marzo – Oggi il prezzo del petrolio sul mercato asiatico è quotato circa 107$ a barile, ricordiamo che venerdì i contratti per Aprile si erano attestati intorno ai 107,06$ a barile, sulla piazza di New York.

I segnali sono molteplici: dalle tensioni geopolitiche, principalmente in Iran, ai timidi segnali di ripresa e rafforzamento dell’economia americana. Per completezza, riportiamo la quotazione del petrolio Brent per i contratti di Maggio, attestatasi a 125,92$ al barile.

Chiaramente l’aumento del prezzo del barile di greggio pone più di una preoccupazione sulla ripresa futura prossima, tanto in Europa quanto in America sebbene per motivazioni leggermente diverse. In Europa la stretta fiscale e i colossali piani di austerity hanno formalmente impoverito i cittadini: un aumento del prezzo della benzina non farà altro che peggiorare tale situazione, agendo soprattutto sull’inflazione.

Negli Stati Uniti lo scenario è diverso, da qualche mese ormai sembrava consolidarsi un leggero trend di crescita. Un aumento del prezzo della benzina (attualmente siamo intorno a 1$ al litro, pari a circa 31 centesimi in più, mese su mese), significa una maggiore spesa per trasporti e di conseguenza una minore spesa in altri settori. A differenza dell’Europa, non va dimenticato infatti che negli Stati Uniti si sta cercando di rilanciare l’intera economia sostenendo grandemente gli acquisti da parte delle famiglie. Protezione del potere di acquisto che chiaramente verrebbe messo a repentaglio da un ulteriore aumento del prezzo della benzina. […]

Leggi il seguito su

http://www.geopoliticalcenter.com

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *