La grande truffa sul global warming

Filed under: Catastrofismo |
nubifragi inondazioni nel mondo
l’ultimo nubifragio su Milano – Italia

         Innanzitutto brevi cenni su cosa sia : “Riscaldamento globale (global warming nella letteratura scientifica in inglese) è il termine usato per descrivere l’aumento nel tempo della temperatura media dell’atmosfera terrestre e degli oceani. L’opinione scientifica sul cambiamento del clima, secondo l’IPCC, è che la temperatura globale media è aumentata tra gli 0,6 e gli 0,2 °C dalla fine del XIX secolo e che la maggior parte del riscaldamento osservato durante gli ultimi 50 anni è dovuta all’uomo. Un’impennata nella concentrazione di gas serra si è avuta con l’utilizzo di combustibili fossili, che ha intaccato le riserve geologiche di carbonio, ma anche ad una maggior produzione di metano dovuta ad un’esplosione dell’allevamento intensivo e delle colture a sommersione, per esempio il riso; completano il quadro l’aumento del vapore acqueo e altri prodotti di sintesi, come i clorofluorocarburi e altri gas serra. Ogni anno vengono liberate nell’atmosfera circa 25 miliardi di tonnellate di CO2, mentre il pianeta riesce a riassorbirne meno della metà con la fotosintesi clorofilliana. Questa alterazione del ciclo del carbonio è problematica non solo per la sua entità, quanto per la sua velocità, le cui oscillazioni naturali hanno sempre causato i cicli plurimillenari delle glaciazioni. Il problema è comprendere e prevedere con quali conseguenze il pianeta riuscirà ad adattarsi a questo velocissimo aumento di anidride carbonica, la cui concentrazione oggi è di circa 380 parti per milione (ppm), aumentando di circa 2 ppm l’anno, mentre nel XVII secolo era di 280 ppm.” (dal sito dell’Enea  )Questa mattina a Milano e in gran parte del nord Italia, abbiamo avuto l’ennesima prova del global warming, infatti milioni di litri di pioggia e relativo abbassamento del clima si sono rovesciati sulla pianura e non hanno lasciato in pace nemmeno le vette alpine.

E allora direte voi? Come allora? Se c’è il riscaldamento globale come mai in tutto il pianeta si registrano cali notevoli di temperatura e eventi catastrofici come le inondazioni che l’anno scorso e quello precedente hanno colpito l’Europa intera, parte degli Stati Uniti, persino l’Egitto, il Messico e la Thailandia sono andati sott’acqua e come dimenticare il nubifragio che ha distrutto mezza Liguria, il Veneto, la Campania, la Sicilia, la Calabria, la Sardegna e altre isole minori, senza risparmiare Lazio, Marche Veneto ecc, ecc.  e altre catastrofi simili che sconvolgono continuamente il pianeta?

La storia si ripete a qualcuno giova giocare sulla paura, per strappare dalle nostre tasche i pochi spiccioli che ancora riescono a contenere, per far ingrassare le proprie finanze e le proprie pance, a danno dei soliti idioti, che saremmo noi che ancora ci caschiamo, mentre le immense corporazioni internazionali se la ridono alle nostre spalle.

Eppure basterebbe pensare che dal momento del big bang la Terra, come tutti i pianeti del sistema solare è in progressivo allontamento dal Sole e non ci prendano per deficenti se siamo ancora capaci di comprendere che non esiste al mondo forza maggiore della natura e soprattutto nella natura che interessa l’Universo e non quella spicciola della neve artificiale o della deviazione del corso dei fiumi, anche se basta vedere i disastri che accadono in Italia, per capire che la natura, anche nel piccolo riesce sempre a tornare al proprio posto, in barba alle multinazionali miliardarie e ai poveri pirla che ancora pensano di credere ai pinocchio dell’informazione faziosa, che per pochi spiccioli e un po’ di fama immeritata si vendono la nostra vita e le loro anime al diavolo.

Ma non bastano gli interessi corporativi, ad essi si associano gli idioti, infatti per strada si trovano dei giornalisti che quando intervistano le persone sono pronte a dire che nessuno ricorda a memoria d’uomo un tempo così freddo e piovoso come questo giugno, ma quando un signore anziano ricorda la nevicata di agosto di circa 35 anni fa si permettono di sostenere che abbia avuto fantasie. Ebbene io mi trovavo nella mia casa di campagna a Selvino (45 Km. da Milano) proprio in pieno agosto, quando una nevicata per tutta la notte e il giorno seguente ha imperversato creando danni inimmaginabili ora, infatti le piante erano tutte piene di foglie, quindi molte sono crollate sotto il peso della neve, così molti impianti elettrici hanno visto il crollo dei pali per le strade, con conseguenze sul rifornimento di luce e riscaldamento, infatti le caldaie del riscaldamento in gran parte non funzionavano o sono addirittura saltate e persino le tubature dell’acqua hanno dato grossi problemi, oltre al fatto che uscire di casa era quasi impossibile, così mi viene proprio da rispondere a quella giornalista d’assalto che se c’è una che usa la fantasia e non la ragione, in questa storia è proprio lei, che si è formata delle idee preconcette e chi esce dai suoi schemi non è degno di fede.

Adriana Bolchini – Lisistrata

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *