Arabia Saudita apre a un dialogo stabile con l’ebraismo

Filed under: Ebraismo |

Citta’ del Vaticano, 4 nov. (Adnkronos) – E’ una piccola rivoluzione quella in corso: con l’inaugurazione il prossimo 26 novembre del “King Abdullah Bin Abdulaziz International Centre for Interreligious and Intercultural Dialogue” a Vienna, l’Arabia Saudita aprira’ di fatto una forma di dialogo stabile con il mondo ebraico. Fra l’altro fara’ parte della stessa iniziativa anche la Santa Sede in qualita’ di membro “osservatore fondatore” dell’organismo.

L’iniziativa e’ il frutto del lavoro portato avanti in questi anni da re Abdullah, 82 anni, che ha cercato di promuovere una nuova stagione di dialogo interreligioso e interculturale fra oriente e occidente, nonche’ fra mondo arabo e islamico con il cristianesimo e l’ebraismo. Non a caso re Abdallah e’ stato il primo sovrano saudita ad incontare un Papa, nel 2007 con Benedetto XVI.

Il nuovo centro che avra’ sede a Vienna – scelta in qualita’ di capitale di grandi istituzioni internazionali – e’ il fiore all’occhiello di questo lavoro e di un piu’ generale movimento graduale verso le riforme anche politiche all’interno del Paese promosso dallo stesso sovrano. Ma, particolare assai significativo, nel ‘board’ dell’organismo figura, insieme a rappresentanti di diverse religioni e confessioni cristiane, anche il rabbino David Rosen, uno dei leader dell’ebraismo piu’ rappresentativi a livello mondiale nel dialogo interreligioso, personalita’ per altro ben nota anche in Vaticano.

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *