PECUNIA NON OLET

Filed under: EDITORIALI |

il denaro non puzza    Il mondo è pieno di ingiustizie, stragi di interi popoli ad opera di fanatici che si nascondono dietro la religione per le loro ambizioni di potere e gloria eppure il mondo sta a guardare, tutt’al più organizza campi profughi ove si ammucchiano, come fossero rifiuti umani, milioni di profughi a cui le varie organizzazioni spediscono  razioni di viveri appena sufficienti per la sopravvivenza, che servono solo a prolungare l’agonia di coloro che sono sopravvissuti a quelle carneficine a cui tutti guardavano con orrore, ma reagivano con indifferenza.

Quando invece gli stessi fanatici si permettono di toccare qualcosa che ha valore economico, come il petrolio o le finanze delle banche che comandano sull’economia globale,  ecco che  le organizzazioni mondiali cone l’ONU, senza battere ciglio o frapporre tempo per le trattative, proprio come è già accaduto in Libia, fingono di accorgersi che in quel Paese sono in atto violenze che bisogna fermare a tutti i costi, meglio se si parte subito con il bombardamento, che viene fatto passare per una guerra giusta.  

Eppure sono proprio quelle stesse organizzazioni e quei Paesi che prendono le iniziative di elargire la loro vendetta a fregarsene di tutte le leggi morali che impongono agli altri.  Forse perché quelle leggi morali in realtà  sono utili soltanto per tenere le vittime sotto scacco, così partono per la guerra e gli allocchi di altri Paesi, che non si fermano a valutare le leggi morali, anzi li seguono pedissequamente, come se non potessero fare a meno di prendere parte a quella che ci faranno passare per una guerra giusta.

Possibile che il valore della vita sia sempre inferiore a quello economico?

 

 
Adriana Bolchini – Lisistrata

Mali la Francia bombarda

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

4 Responses to PECUNIA NON OLET

  1. Non per tutti così [v. tua ultima Affermazione], cara Adriana [tra l’altro: felice nuovo Anno, e felice nuova Era – cfr. Profezia dei Maya]. Non vedi, non vediamo, che per le Stragi di certi Popoli [perchè è di ciò che si tratta: non ”Ethics” ma ”ethnic”], vengono organizzate quelle che oramai [per rapporto alle Stragi silenti di altri Popoli] possono essere definite vere Pantomime – mentre per le Stragi di certi altri, quasi quasi non se ne ha nemmeno Notizia. Per Stragi, si parla qui non solo di quelle evidenti [in ENG ”blatant”], storiche, politiche, MA anche di quelle quotidiane, in nome dello Sfruttamento, e di tipo economico [quindi finanziario – sebbene, lo dici anche tu, è la Pecunia che la fa, e l’ha fatta, da Padrona. Quando non c’era quella, beninteso, erano Beni in Natura che contavano … più della Vita – non solo della Vita umana, ma della Vita in sè, di cui fa, intrinsecamente, parte l’Etica]. Parli di [Petr]olio [che foneticamente, e paradossalmente, non ”olet”] e di Banche [Ciclo finanziario] – ma c’è anche tanto altro. A te che sai il DEU, c’è un Testo dalla Dichiarazione di Berna, che parla di ”Materie prime: il più pericoloso Commercio svizzero [2012]” [”Rohstoff: das gefährlichste Geschäft der Schweiz (2012)] – sono tante quelle cose che non hanno Odore, se di mezzo c’è la Ricchezza, materiale, di pochi [taluni del tutto inconsapevoli, talaltri del tutto mal intenzionati – sebbene dietro ad ogni Storia individuale, e quindi Intenzione, si celi una serie di Motivazioni, che pure hanno le loro Radici, a volte meramente ideologiche, a volte genuinamente traumatiche, eccetera]. Come dici tu, comunque, è un continuo Circolo vizioso [in Oriente – non Medio oriente, lo chiamano ”Karma”/Azione, vedi dis sennato Agire], che si [auto?] perpetua, e che comunque, VA INTERROTTO. FATTO CESSARE. E va dato il Vìa a Circoli virtuosi [in Oriente – non Medio, lo chiamano ”Dharma”]. Ti saluto ed abbraccio con un Abbraccio di Luce solare.

    Frances
    20/01/2013 at 00:55
    Rispondi

  2. il tuo commento, pur se ben articolato non è esattamente ideale a questo articolo-sfogo, (lo so anchio che non tutti la pensiamo ne agiamo nello stesso modo ed infatti io mi riferisco a coloro che hanno le leve del potere in questo momento, non a tutti) e per quanto fa riferimento a quello che potrebbe anche essere un processo relativo al divenire fra cui il karma a cui tu fai accenno, io non ho nessuna intenzione di sedermi sulla riva del fiume per osservare la vita che scorre senza cercare di modificare, la dove sarà necessario e possibile, quello scorrimento. Un conto è la filosofia che si può portare nella vita di ciascuno di noi, un conto è ciò che invece ha radici ben diverse e si basa sul potere di pochi esercitato sulle masse. Inoltre pur se conosco benissimo la quanto mai antica e sempre attuale “legge della jungla” non significa che sia obbligata a condividerla, altrimenti sarei una persona fatalista che non usa tutto ciò che questo unvierso o dio se preferisci mi ha messo a disposizione, anche l’uso del mio karma personale, che vorrei dirigere ove ritengo sia più giusto che venisse indirizzato.
    L’Oriente a cui tu fai riferimento non è l’esempio lampante della giustizia e del benessere, al contrario, tu riporti un’immagine romantica ed ideale che ti sembra sia la reale, in realtà la vita di quell’oriente è ben più triste e ancora peggiore della nostra.
    Affronta tutto approfondendo e non restando solo nell’utopia di un’immagine ideale ma impossibile per il mondo odierno.
    Auguri anche a te.

    Lisistrata
    21/01/2013 at 17:12
    Rispondi

  3. Grazie Adriana della Risposta. Sull’Oriente non penso di essere idealista – ero ingenua, poi sono passata attraverso un – per così dire – Processo iniziatico che mi ha resa fin troppo raziocinante e realista, ed infine [attualmente] sono in Fase di Ri visitazione, per così dire. Ovvero, Ritengo che ci sia una Sapienza in quei Luoghi, che [anche] la nostra Fisica moderna sta [ri] scoprendo, e che è stata sottomessa [!] dal Periodo storico imperialista [Atteggiamento supremazista] occidentale [Epoca cattolica e/o liberal capitalista perchè l’Interesse per la Pecunia, o per il Benessere materiale, sovrastano sempre quello per l’Essere umano o senziente [penso qui anche al Mal trattamento o Ab uso di altre Forme vitali, che hanno un Sentire, e che viene violato senza Etica, in favore – sigh – dell’Opulenza di taluni]. A proposito di Energia, Nikolai Tesla [e forse anche altri] avevano già trovato Fonti alternative Tempo fa, ma sono Personaggi che sono stati fatti sparire in tutta fretta. Sono queste le Domande base che dovremmo porci tutti i Giorni: perchè vengono tenuti in piedi Imperi [ad Ovest o a Est] sullo Sfruttamento e sull’Ab uso altrui, o di taluni, in genere la Maggioranza, e magari come fare a smantellare questi Sistemi perversi: temo che la Risposta non sia tanto semplice o semplicemente accettabile. Si tratta di mettersi ”contro tutte le Mafie” [mi pare che in Sud italia ci sia un Movimento che si chiama proprio così], e di favorire un’Umanità, un Senso di Umanità [non solo circostanziale, ma stabile e diffusa] in seno all’Umanità [Corpus/Entità] tutta. Non sono contraria alla Lotta che fai tu, dico solo che lasciarsi dis trarre da Eventi – per così dire – sporadici, impedisce di focalizzarsi sulle Radici [del Problema] <– le Mafie [come Concetto in sè, come Struttura in sè. Siano esse d'ordine locale, o nazionale, o inter nazionale]. Buon Tutto.

    Frances
    22/02/2013 at 12:58
    Rispondi

  4. Gli “imperialisti” che citi tu,lo sono stati certo per interesse personale, ma hanno portato un po’ di civiltà in India. Prima di loro, bruciare viva la moglie di un marito morto era normale, e il grande “illuminato” cioè il Gandhi, anche se ha liberato il Paese da quegli imperialisti, lo ha consegnato ad una guerra civile che ha fatto oltre 1 milione di morti dividendo l’India dal Pakistan ed è una guerra che continua tutt’oggi. D’altra parte l’impero non è una cosa che hanno inventato gli occidentali, prima di loro lo hanno inventato i Cinesi, perché la cina non era uno stato unico, ma è frutto di guerre durate migliaia di anni che hanno continuato anche ai tempi nostri fino al Tibeti, Ricorda che è sempre l’uomo che ha in mano le leve del suo destino e che genera il proprio karma, per questo mi rifiuto di omologarmi e nel mio piccolo combatto ogni giorno contro le ingiustizie, facendoile notare. Buon tutto anche a te.

    Lisistrata
    25/02/2013 at 23:41
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *