La Milano di Pisapia: Domeniche “verdi” costate in 2 anni 3 milioni di euro

Filed under: Milano e Lombardia,Mobilità,Sperperi |

11 ott – Domeniche «a spasso» alternate a domeniche con «pedonalizzazione diffusa» come quella che si prepara domenica con le chiusure al traffico di corso Buenos Aires, via Giambellino, viale Certosa e della zona della «Milano Romana». È il progetto dell’assessore allo Sport Chiara Bisconti per il ritorno delle «Domeniche a spasso» nel 2014, che saranno però la metà. Non ce ne saranno altre per quest’anno: «Per il 2013 sono sospese per i problemi di bilancio che si sono posti in modo più drammatico del previsto, ma per il 2014 ci stiamo lavorando».

Proprio così, costi troppo alti: in due anni e mezzo la giunta arancione ha speso quasi tre milioni di euro per le domeniche a piedi. A denunciarlo una mozione presentata da Alan Rizzi capogruppo di Fi e Matteo Forte che chiedeva la sospensione delle domeniche ecologiche, inutili per la lotta allo smog e dannose per i commercianti. La mozione non è passata, anche se di fatto per quest’anno almeno ci ha già pensato il sindaco a sospendere i blocchi.
L’ipotesi per il 2014 è di «ridurre il numero delle domeniche a piedi – ha spiegato la Bisconti – perchè 8 non ce le possiamo permettere, magari alternandole con domeniche con una pedonalizzazione diffusa, come la prossima, quando ci saranno diverse zone chiuse al traffico».

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *