Yemen: spose bambine, per Unicef il 52% ha meno di 18 anni e 14% meno di 15

Filed under: Cultura islamica |

25 ott – – Il 52 per cento delle spose nello Yemen ha meno di 18 anni. Lo denuncia l’Unicef, l’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa dei diritti dell’infanzia, sottolineando che il 14 per cento di queste contrae le nozze a un’eta’ inferiore ai 15 anni. Si tratta comunque di dati parziali, sottolinea la stessa organizzazione, che denuncia come il fenomeno sia diffuso soprattutto nelle aree tribali e rurali del Paese dove nelle famiglie piu’ povere sono gli stessi genitori a dare in sposa le loro figlie in cambio di una dote. Spesso, inoltre, questi matrimoni vengono mascherati o negati ufficialmente per evitare denunce, ‘trasformando’ il marito in un parente.

L’ultimo caso drammatico di cui si è avuta notizia risale allo scorso settembre, quando una bambina di 8 anni, Rawan, è morta per un’emorragia interna dopo la prima notte di nozze con un uomo di 40 anni piu’ grande di lei al quale era stata venduta per duemila euro nell’area tribale di Hardh. Gia’ nel 2005 l’Università di Sana’a aveva denunciato che in alcune aree rurali dello Yemen vengono date in sposa persino bambine di otto anni.

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *