Islam, a Mestre piscina riservata a donne musulmane

Filed under: Cultura islamica |

burks9 magg – Piscina aperta ma solo per le donne e i bambini dai cinque ai sette anni con l’intento di permettere di nuotare soprattutto a chi è di fede musulmana.

L’iniziativa, sulla scia di quanto accaduto a Torino, l’ha presa il Comune di Venezia che aprirà per tre domeniche, a cominciare dalla prossima, la piscina pubblica di Mestre con l’intento di spingere all’incontro tra donne di fede diverse ed in particolare a quelle mussulmane che potranno nuotare con il costume intero, gambe e testa compresa.

Si tratta – come riferisce la stampa locale – di una iniziativa voluta dall’assessore alla Cittadinanza delle donne Tiziana Agostini per ricreare in piscina quel senso di complicità e confidenza femminile tipico degli hammam, luoghi tipici della cultura araba dove le donne si incontrano e si raccontano, prendendosi cura del loro corpo al sicuro da occhi maschili e nel rispetto dei dettami del Corano.

Per l’occasione, in piscina, il personale, bagnini ed istruttori saranno tutti di sesso femminile.

http://www.ilmattino.it/PRIMOPIANO/CRONACA/mestre-piscina-riservata-donne-musulmane/notizie/680195.shtml

 

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

One Response to Islam, a Mestre piscina riservata a donne musulmane

  1. Scusa tanto Fatima, ma non ho capito cosa hai voluto dire, le frasi si contraddicono fra loro. Non dobbiamo accontentare le povere donne che altrimenti i loro uomini non le lascerebbero andare in piscina? Io credo che un po’ di comprensione non faccia male a nessuno.
    Per il resto io credo che nessuno abbia il diritto di fare della vita degli altri quello che vuole, quindi nessuno deve alzare le mani su nessuno e per la poligamia non sarei nemmeno contraria se fosse ammessa anche la poliandria (ovviamente libera) e fosse lasciato alle persone la libertà sul come vivere, pur rispettando le leggi e i diritti umani.

    Se un uomo vive bene con due donne, e loro si trovano d’accordo, perché no?
    Ma questo vale, secondo me anche se una donna vive bene con due uomini e loro sono d’accordo di conviverci, perché no?
    A nessuno dovrebbe interessare delle scelte e dei gusti privati, purché questi siano portati a compimento con rispetto e con l’accordo delle persone interessate.

    Come vedi io sono fuori dal tempo e vedo molto oltre a ciò che le leggi attuali prevedano. Noi tutti dovremmo farci portatori di innovazioni migliorative deella vita sociale e non chiuderci negli antichi campanilismi e conflitti tribali. Oggi possediamo ciò che lgi uomini del passato non hanno mai avuto: Usiamo questi bene e privilegi.

    Lisistrata
    10/05/2014 at 00:45
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *