Ucraina, Putin: siamo potenza nucleare, non si scherza

Filed under: Europa,UE |

Vladimir Putin

 

29 ago. – La crisi ucraina continua ad avvitarsi pericolosamente su se stessa, acuendo il pericolo di un allargamento del conflitto di fatto in corso tra Kiev e Mosca nelle regioni orientali e stroncando ogni spiraglio di pace.
Vladimir Putin ha alzato il tono delle minacce arrivando ad avvertire Kiev e la Nato, che “e’ meglio non fare scherzi con noi”, perche’, ha ricordato, la Russia “e’ una delle grandi potenze nucleari” e le forze armate russe sono pronte a ricorrere ad ogni mezzo a loro disposizione per “respingere qualsiasi aggressione”. Cosi’ il presidente russo dopo le notizie dal fronte nelle regioni orientali ucraine e la richiesta di Kiev di entrare nell’Alleanza Atlantica: un’eventualita’ considerata ostile da Mosca, ancora piu’ dell’attuale patto di associazione e il possibile ingresso nell’Ue.

“La Russia e’ lontana dall’essere coinvolta in un conflitto su larga scala”, ha detto Putin, “e noi non lo vogliamo e ne’ lo stiamo progettando. Ma naturalmente siamo sempre pronti a respingere ogni aggressione contro la Russia”.

A rafforzare ulteriormente il tono delle sue dichiarazioni l’inquilino del Cremlino ha annunciato che la Russia “sta rafforzando sia le forze di deterrenza nucleare (le atomiche) che le forze armate (convenzionali)”, salvo aggiungere che gli investimenti negli armamenti, “non saranno utilizzati per minacciare qualcuno ma per sentirci sicuri”.
Putin ha poi accusato il governo ucraino di infliggere un assedio in stile Leningrado alle citta’ dell’est e ha detto che bisogna costringere Kiev a negoziati “sostanziali” con i ribelli. In una calibrata alternanza di toni, ha pero’ chiesto anche ai ribelli l’apertura di corridoi umanitari per le truppe ucraine assediate in alcune zone dell’est.

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *