Attentato Canada, applicato alla lettera il manuale del jihadista solitario

Filed under: America |

ottawa

 

23 ott. (askanews) – Uccidere a sorpresa un uomo in divisa davanti a un luogo simbolo, colpire un convoglio: i due jihadisti canadesi passati all’azione questa settimana hanno applicato alla lettera le consegne di Al-Qaeda e attualmente anche dei miliziani dello Stato Islamico.

Da molti anni infatti, il movimento fondato da Osama bin Laden esorta con articoli e video su internet i suoi seguaci a colpire senza seguire ordini precisi e senza organizzazione, indicandoli come “eroi della jihad individuale”. Già nell’autunno del 2010, nel magazine jihadista in lingua inglese “Inspire” pubblicato nello Yemen, un cittadino statunitense convertito all’islam, Adam Gadahn (detto “Azzam l’Americano”), aveva evocato “i doveri della jihad individuale” e in un video pubblicato poco tempo dopo, intitolato “Non siete responsabili che di voi stessi”, aveva affermato: “I musulmani in occidente devono sapere che sono perfettamente posizionati per giocare un ruolo decisivo nella jihad contro i sionisti e i crociati. Allora, cosa aspettate?”.

I magazine jihadisti on line hanno moltiplicato la pubblicazione di “ricette” per la fabbricazione di bombe artigianali (“Come costruirle nella cucina di tua madre”) e le liste di possibili obiettivi, con al primo posto i soldati dei paesi occidentali, gli uomini politici e i luoghi di potere simbolo degli Stati Uniti e dei loro alleati.

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *