KHALED ASSAAD – un vero eroe islamico dei nostri giorni

Khaled Assaad - archeologo islamico assassinato dall'isis

Khaled Assaad – archeologo islamico assassinato dall’isis

Lisistrata vuole celebrare la memoria di un vero eroe islamico, affinché le sue nobili gesta non vengano dimenticate:

KHALED ASSAAD – archeologo e custode della memoria storica e della cultura dei popoli antichi che hanno popolato l’intera area siriana e di quella parte del medioriente in cui si trova oggi ciò che resta di Palmira, distrutta dalla follia omicida dei killer seriali che costituiscono la milizia islamica che tutti conosciamo con il nome di I.S.I.S. che ogni giorno che passa dimostra sempre di più la barbarie di cui sono capaci i suoi omuncoli che credono di elevarsi a uomo torturando e assassinando un uomo buono e prezioso per l’intera umanità, come Khaled Assaad, il cui valore è persino superiore ai preziosi reperti che ha custodito per anni e che è riuscito a difendere dalla furia assassina dell’ISIS.

Khaled Assaad è stato un eroe, che la storia consacrerà come vero martire mentre disprezzerà i suoi assassini, anche perché se fossero veri osservanti del corano dovrebbero rispettare gli anziani della loro stessa religione, mentre assassinano e distruggono bestemmiando nel nome di dio che loro hanno eletto a dio barbarico e distruttivo, un dio creato dalla loro cattiveria a cui hanno sottratto con arroganza  la vera creazione.

Adriana Bolchini – (Lisistrata)

 

P.S. Non posso dimenticare che questa follia è nata da finte rivoluzioni islamiche partite dalla Libia, per farle arrivare sino in Siria e consegnarle non alla democrazia ma alla follia dei finti rivoluzionari che hanno dimostrato le loro peculiarità nella ferocia furia assassina che abbiamo visto scendere in campo fin dall’assassinio di Geddafi e che i soliti troppi idioti europei non hanno voluto vedere, anche se le avevano sotto gli occhi.  Quando un popolo fa una rivoluzione non si presenta sul campo armato con armi modernissime e blindati superaccessoriati dal costo miliardario, ma combatte quasi a mani nude o con armi comprate di contrabbando o rubate nelle caserme dello stato che combattono.  I rivoluzionari erano forniti dalle armi equivalenti a quelle di cui sono dotati gli eserciti più moderni come quello americano. E poi diciamocelo una volta per tutte non ci stiamo preparando per la terza guerra mondiale, siamo già nella terza guerra mondiale, che è stata preparata a tavolino  da decenni  dai criminali che popolano la terra ed attuata sul campo da anni perché le distruzioni e le morti sono reali.

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *