LA FALSITA’ DEI MEDIA PRO-PALESTINA

Filed under: Antisemitismo,EDITORIALI,Medioriente |

Nei giorni scorsi un attacco di missili israeliano contro la Striscia di Gaza, ha fatto vittima un bambino ed ha ferito sua sorella.

Purtroppo la falsità dei media pro-palestina ha dato la notizia in questo modo e soltanto alla fine del comunicato in tono minore ha aggiunto che i missili sparati da Israele sulla Palestina erano stati lanciati in risposta a quelli che la Palestina, proprio dalla Striscia di Gaza aveva lanciato su Israele (ovviamente senza menzionare danni e vittime israeliane – quelle non contano mai)

Non riesco proprio a comprendere come dopo tutti questi anni in cui Israele ha cercato invano di stipulare una pace con la Palestina che i palestinesi non vogliono è fallita, dopo tutti gli attacchi fatti contro Israele, rapimenti, bombe e assassini di persone rapite a cui Israele ha ovviamente risposto, e che sono sfociati anche in guerre si possa ancora fingere che Israele sia il Paese attaccante e non il Paese che ha semplicemente il diritto di difendere i propri confini e la Striscia di Gaza ne è un esempio lampante.

Israele l’ha ceduta alla Palestina unilateralmente, senza compromessi e senza avere nulla in cambio se non una moltiplicazione di attacchi a suon di missili contro Israele.

Ma possibile che i sinistri pro-palestina, abbiano tutti la faccia come il culo?

Adriana Bolchini – Lisistrata

missili palestinesi contro Israele

missili palestinesi contro Israele

mappa d'Israele in cui si vede la striscia di gaza

mappa d’Israele in cui si vede la striscia di gaza

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

2 Responses to LA FALSITA’ DEI MEDIA PRO-PALESTINA

  1. Cara Adriana, l’ho scritto nei miei commenti diverse volte sui giornali che pubblicano (come IL TEMPO) e non censurano (come IL CORRIERE e tutti i giornali di sinistra): il popolo palestinese è un popolo di assassini che vuole sterminare non solo gli ebrei israeliani, ma tutti gli ebrei. Esagero? Per niente. Basta leggere l’Articolo 7 della Carta di HAMAS, alleata dei cosiddetti palestinesi moderati di Abbas (FATAH). Basta conoscere la storia: i palestinesi guidati da Amin al-Husseini, Granmufti di Gerusalemme, durante la 2. Guerra mondiale erano alleati dei NAZISTI. Oggi il palestinese (lettore assiduo del Corano e di MEIN KAMPF) che accoltella un ebreo manda un chiaro messaggio (vedi Sura 5 Versetto 32): ne uccide uno, ma gli ebri li vorrebbe uccidere tutti. Come dice Netanjahu: “Qui non trattiamo con un popolo, ma con un cancro maligno”.

    Francesco Salatino
    16/03/2016 at 15:34
    Rispondi

    • Concordo in pieno ma visto che gli italiani non ricordano nemmeno la loro storia, vuoi che siano informati su quella altrui? E poi il cervello dei sinistri si è ormai sinistrato completamente, che ci possiamo fare? Io quando posso lo faccio vedere e cerco di dimostrarlo, ma i miei mezzi sono veramente limitati

      Lisistrata
      22/03/2016 at 10:53
      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *