Il governo vuole cedere l’Enav, è allarme sicurezza

Filed under: Economia,FINANZA internazionale |

C’è un problema-sicurezza tra le pieghe della prossima privatizzazione di Enav. L’operazione, battezzata dal governo di Enrico Letta e benedetta dall’esecutivo di Matteo Renzi con la nomina di Roberta Neri ad amministratore delegato dell’azienda che gestisce il traffico aereo, non convince però tutti.

enav

Se da un lato la privatizzazione incontra il favore di Palazzo Chigi e del Mef – che contano di incassare 8-900 milioni di euro dal collocamento sul mercato del 49 per cento della società – dall’altro con l’approssimarsi dell’offerta pubblica di vendita (attesa per metà giugno) si moltiplicano le voci perplesse – o apertamente contrarie – allo sbarco in Borsa della società dei controllori di volo, che ha chiuso l’ultimo esercizio con un utile netto di 66 milioni di euro.

Il timore principale riguarda la sicurezza. Ne ha scritto ieri, sul Tempo, Luigi Bisignani (dopo averne parlato con Nicola Porro a Virus, su Raidue), rivelando l’attenzione dell’intelligence nostrana sull’operazione: «Gli 007 – spiega il lobbista – hanno fatto sapere che privatizzare la società che gestisce quasi due milioni di voli l’anno attraverso 43 torri di controllo negli aeroporti e una cinquantina di siti segreti è rischioso», perché «nel capitale potrebbero entrare Fondi vicini a estremisti a cui si regalerebbero notizie sensibili».

Che l’interesse pubblico possa essere minacciato dall’ingresso nel capitale di fondi vicini alle organizzazioni terroristiche è una preoccupazione condivisa anche dal fronte sindacale. Le sigle del trasporto non vedono di buon occhio il decollo della privatizzazione della società. Tra l’altro, come ha detto la stessa ad Neri, «l’Enav sarà la prima società di service provider dello spazio aereo ad andare sul mercato». E in particolare la Uiltrasporti ha sollevato proprio la questione dei potenziali pericoli per la sicurezza nazionale insiti nell’operazione: «L’Enav svolge la propria attività per garantire ai cieli italiani l’assoluta sicurezza del traffico aereo – dichiara il segretario generale Claudio Tarlazzi – attività sensibile per la quale sarebbe utile rimanesse interamente di proprietà dello Stato italiano».

Leggi il seguito su il Giornale

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *