Bergoglio: No all’ergastolo e alla pena di morte

Filed under: Cristianesimo |

 

papa

No a ergastolo e pena di morte – Papa Francesco ribadisce il suo no alla pena di morte e la sua contrarietà all’ergastolo. Il Pontefice chiede di “comminare pene che siano per la rieducazione dei responsabili e cercare il loro reinserimento nella società”. Sottolinea il Papa: “Fare giustizia non è la pena in se stessa. Non c’è pena valida, senza la speranza. Una pena chiusa in se stessa, che non dà possibilità alla speranza, è una tortura non è una pena! Su questo – spiega – mi baso anche per affermare seriamente la posizione della Chiesa contro la pena di morte”.

No a giudizi e pettegolezzi – Per il Pontefice, un sacerdote deve respingere “pettegolezzi”, “giudizi” e “veleni”. La parola d’ordine per un sacerdote deve essere ‘includere’: ” Cristo ama e conosce le sue pecore, per loro dà la vita e nessuna gli è estranea. Il suo gregge è la sua famiglia e la sua vita. Non è un capo temuto dalle pecore, ma il Pastore che cammina con loro e le chiama per nome. E desidera radunare le pecore che ancora non dimorano con Lui”.

adnkronos

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

One Response to Bergoglio: No all’ergastolo e alla pena di morte

  1. La pena di morte nella Città del Vaticano è stata legale dal 1929 al 1969. Venne formalmente rimossa dalla Legge fondamentale solo il 12 febbraio 2001, su iniziativa di papa Giovanni Paolo II. Un gravissimo errore, che questo Papa incapace conferma! Gli assassini, non solo gli islamici, sono sempre più efferati e il diritto penale sempre più molle. Anche questo è sinonimo di decandenza europea e i criminali ne approfittano!

    Francesco Salatino
    04/06/2016 at 10:42
    Rispondi

Rispondi a Francesco Salatino Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *