BUON GIORNO ITALIA! ed ora FUORI DALLA UE e subito dopo RISTABILIRE LA SOVRANITA’ MONETARIA

Filed under: EDITORIALI,In evidenza,Interni,Strategia |
buon giorno Italia!

buon giorno Italia!

BUON GIORNO ITALIA ED ORA FUORI DALLA UE E POI SUBITO A RISTABILE LA SOVRANITA’ MONETARIA CON LA VECCHIA E FANTASTICA LIRA!

Stabilito che il popolo sa ancora ragionare nonostante la disinformazione che avviene attraverso tutti i media asserviti al potere e alla dittatura politica che la sinistra ha messo in essere, occupando tutti i posti di potere e nonostante il politically correct la gente d’Italia ha detto NO a un disastroso quanto pasticciato referendum che ci voleva completamente asserviti al potere dalla UE, bisognerà anche passare alle fasi successive:

I° di tutto calcolare i danni che gli italiani hanno subito dal cambio lira-euro in questi disastrosi anni e addebitarli a chi ha voluto e firmato sulla nostra pelle quel cambio dannoso nei nostri confronti, che non solo ha provocato danni economici infiniti, ma è stato causa di numerosi morti in Italia dovuti alla disperazione., ovviamente partendo dai capoccia PRODI, AMATO E CIAMPI per ridistribuire quote minori a chi li ha voluti sostenere accusando gli italiani di non capire nulla se si dimostravano euroscettici, ma che iol cambio avrebbe portato benessere alla nazione.

Non dimenticando anche quella vigliaccata che ha fatto il primo ministro tecnico MONTI quando come prima azione di governo, ha messo fuori corso la lira, togliendola completamente di mezzo. Monti ha assassinato la lira e per questo una grossa fetta di rimborso danni agli italiani la deve versare anche lui e in parte anche coloro che nel suo governo hanno condiviso le sue scelte disastrose.

 II° distribuire fra le proprietà di Renzi, Alfano, Boldrini, Mogherini, Napolitano, e di tutti quelli che nel governo Renzi e nel parlamento italiano, partecipano volontariamente all’invasione di clandestini, in modo che possano finalmente far corrispondere i fatti con le parole che hanno usato contro di noi, trattandoci da razzisti soltanto perchè ci siamo visti togliere libertà, diritti e possibilità di una sopravvivenza decorosa, che sta privando del futuro i nostri figli. 

Di soldi non ne prenderemo più dalla UE perchè finalmente potremo evitare di accettare la carità pelosa che ci viene fatta cadere dall’alto col contagocce, e continuamente rinfacciata per i richiedenti asilo, in considerazione del fatto che invece erano soldi che per prima davamo noi alla UE.

III° Utilizzare la marina italiana per altri scopi e non per andare sulle coste africane a raccattare immigrati clandestini, così non si dovrà nemmeno ricorrere all’esercito per difendere il territorio. Portare a casa i nostri militari sparsi per il mondo dove nemmeno servono e semmai anzichè lasciarli in terre di pericolo, utilizzarli per ricostruire l’Italia, terremotata e disastrata da troppi anni, oltre che impiegarli per il riconoscimento obbligatorio di tutti gli immigrati clandestini e rimpatriare quelli con precedenti penali o che hanno commesso reati sul nostro territorio, oltre che non hanno lo stato di rifugiato politico e subito dopo chiudere tutte le coop in odore di illegalità, che per mantenere loro si stanno provocando altri danni enormi all’economia italiana e a tutti coloro che ne vengono coinvolti come chi è vittima dei sequestri dei propri stabili, che lo Stato non ha ragione di pretendere perchè non siamo in guerra attaccati da uno stato nemico, ma siamo semplicemente invasi da chi viene qui per farsi mantenere e ci manca anche che con tutti i nostri poveri si lascino morire i nostri per favorire gli invasori, che potrebbero stare a casa loro e partecipare a rendere più attiva la loro patria, in quanto per la gran parte sono giovani e non vengono da guerre, ma provengono dai paesi che sono più ricchi del mondo anche se ci continuano a far credere che sono poveri.

L’Africa è il continente più ricco al mondo, possiede di tutto, dalla rigogliosa vegetazione alle pietre preziose, fino ai diamanti,  dal mare ai laghi, dalle pianure alle motagne altissime e innevate, una flora e una fauna invidiabili, dal gas al petrolio, ma è amministrata male. Non può l’Italia farsi carico di un continente intero che è governato da banditi peggiori dei nostri.  Semmai l’Italia può farsi carico di offrire lezioni di economia a quei paesi e dare le basi perchè diventino economicamente attivi e lavorino sul loro territorio partecipando a rendere rigogliosa la propria economia, senza invadere altri paesi per farsi mantenere.  

  

E poi, e poi, e poi, NON FINISCE QUI. Ce ne saranno di cose da fare per ristabilire almeno un principio di vita decorosa che rechi con se i principi dell’onestà e del rispetto nei confronti di se stessi e di chi condivide con noi questa povera e martoriata patria che si chiama ITALIA, perchè desidero sia chiaro a tutti che non ho preconcetti verso alcuno straniero, qualunque sia la sua provenienza e il colore della sua pelle, ma nutro una forte repulsione che chi viene in Italia a delinquere o ci viene come immigrato clandestino, perchè per entrare in qualunque casa, è chiaro che esistono regole che devono essere rispettati da tutti, come nel resto del mondo anche da noi queste regole devono valere, per esempio non possiamo far entrare chi ha già le fedina penale sporca ed è un delinquente abituale, oppure chi reca malattie anche mortali, in quanto non ha pensato alla dovuta profilassi, alla quale noi siamo obbligati se ci rechiamo all’estero e persino al rispetto delle biodiversità, perchè portare qui ogni genere di coltura o di vita animale, finisce per distruggere le nostre.

E visto che abbiamo avuto il coraggio di dire no quando il cambiamento proposto è in realtà una vilgiaccata, sarebbe magari anche il caso di rivedere il sistema elettorale, perchè una democrazia reale e funzionante dovrebbe essere fatta con un metodo proporzionale e non maggioritario con premi, per giunta.

Il problema da affrontare in questo caso è la maturità degli elettori e di coloro che si occupano di politica, perchè per gestire bene il sistema proporzionale ci vuole un altissimo grado di maturità e di accettazione di chi esprime idee diverse dalle nostre.

ADRIANA BOLCHINI – LISISTRATA

 

 

 

 

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *