Boicottiamo la RAI e cominciamo con SANREMO 2017

le macerie dell'hotel rigopiano e le macerie del terremoto

le macerie dell’hotel rigopiano e le macerie del terremoto

A causa di quello che è accaduto in conseguenza ad una concomitanza di eventi sfortunati e di malaffare, come sapete l’hotel Rigopiano è stato sommerso da una valanga, nella zona già provata dai numerosi terremoti,  che avevano provocato cedimenti sulla montagna e peggio ancora l’hotel era stato costruito nel punto finale di una grande slavina accaduta molti anni addietro, così si sono registrati molti morti che avrebbero potuto non diventare tali se l’allarme dato e l’intervento della pulizia della strada che portava all’hotel fosse stato fatto nei tempi utili, così come sono arrivati tardivi i socorsi.

La giustificazione che è stata data è vergognosa: per la mancanza dell’importo di 23.000 euro, il Comune non era intervenuto per tempo e la tragedia si è consumata appieno lasciando sotto le macerie i corpi di 29 morti. Anche se gli uomini incaricati del salvataggio non si sono risparmiati, le loro forze da sole non potevano essere sufficienti, lo comprende anche un imbecille e noi di imbecilli al governo e nelle varie amministrazione ne abbiamo troppi, quando smetterete di votare sempre i soliti stronzi?

Sapendo che la RAI è in passivo di centinaia di migliaia di euro, ma continua a spendere cifre enormi per produrre dei programmi che dovrebbero rendere, invece aumentano il deficit, perché gli investimenti fatti per realizzarli soo eccessivi rispetto all’audience e agli sponsor, e sapendo che i denari già raccolti con la richiesta ai cittadini italiani di intervenire con donazioni telefoniche sono rimasti fermi a Roma, si comprende che se i denari fossero stati distribuiti ai comuni interessati per tempo, la tragedia dell’hotel Piano non si sarebbe verificata in modo così tragico e non dimentichiamo l’arroganza anticostituzionale di Renzi che ha imposto il canone RAI nella bolletta della luce, in questo modo le persone anche poverissime ma per bene, lo pagano, mentre i rom, che non pagano nemmeno la luce ne sono esenti e la guardano gratuitamente.

Vi invito tutti a boicottare la RAI in particolare durante il festival di Sanremo 2017 e anche nelle post produzioni del festival, dimostrando una volta per tutte ai nostri incapaci deputati e ministri del governo che gli italiani hanno finito di farsi prendere per il culo da chi ci sta succhiando l’anima oltre la vita.

Qualsiasi televisione privata se gestisse il festival di Sanremo riuscirebbe a farlo rendere, mentre la RAI avrà ancora il coraggio di intervenire a chiedere agli italiani di versare contributi per i poveri terremotati che alcuni deputati hanno disprezzato pubblicamente in quanto hanno scelto di restare sul territorio e non si sono fatti spostare negli hotel come gli immigrati, dimostrando gli uni-i terremotati- di avere a cuore il territorio in tutte le sue forme vitali e gli altri -gli trapagati deputati- di non comprendere il sacrificio di preservare la terra, l’identità, la cultura, e la flora oltre che la fauna locale, motivo per il quale ancora di più sarebbero dovuti essere aiutati mentre animali e persone sono all’addiaccio in tende che fanno vergogna a un Paese come l’Italia che ha il coraggio di ospitare centinaia di migliaia di immigrati clandestini fra i quali molti delinquenti in hotel e di lasciar quasi morire di fame e di freddo i suoi concittadini più sfortunati che hanno sempre lavorato e contribuito al mantenimento del parlamento e del governo, oltre che dei clandestini, ma l’ignoranza di chi ci governa è talmente abissale che non comprende quanto sia importante salvaguardare il territorio, ma poi manda i denari all’estero per preservare le biodiversità degli altri Paesi del mondo.

Boicottate la RAI iniziando da SANREMO e abbiate la spina dorsale dritta per farlo; alzate la testa e dirte: BASTA D’ORA IN POI REAGIREMO SEMPRE ALLE INGIUSTIZIE E AL RAZZISMO CONTRO GLI ITALIANI!!!!

Adriana Bolchini – Lisistrata

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *