SOLIDARIETA’ AL SIGNOR MARIO CATTANEO VITTIMA DI UNA RAPINA CON AGGRESSIONE E ORA SOTTO PROCESSO PER AVER DIFESO SE STESSO E LA SUA FAMIGLIA.

Filed under: In evidenza,Sicurezza,Violenze |

LISISTRATA STA CON IL SIGNOR MARIO CATTANEO VITTIMA DI UNA RAPINA CON TANTO DI AGGRESSIONE E BOTTE, CHE HA OSATO DIFENDERE LA SUA VITA E QUELLA DEI SUOI FAMIGLIARI SPARANDO A UNO DEI 4 RAPINATORI, UCCIDENDOLO. MA  ORA MESSO SOTTO ACCUSA

Mario Cattaneo vittima di una rapina e di un'aggressione si difende e spara uccidendo un rapinatore, ora messo sotto processo

Mario Cattaneo vittima di una rapina e di un’aggressione si difende e spara uccidendo uno dei 4 rapinatori

E’ per me difficile intervenire su questa faccenda, io non ero presente, ma quello che ancora una volta mi fa specie e mi fa particolarmente inorridire è l’atteggiamento della magistratura che rimesta nel fango per addossare, ove sia possibile ed anche non sia possibile la colpa a chi ha semplicemente esercitato il proprio diritto alla difesa, di se stesso, della sua abitazione che dovrebbe essere sacra e della sua famiglia ancora più sacra.

Perchè i magistrati vogliono parlare con gli altri rapinatori? Vogliono forse dare loro credito? Preferiscono credere a dei rapinatori che una brava persona che si è difeso in casa propria? E accusare il signor Mario di assassinio volontario, così di far morire di crepacuore anche questo povero diavolo che si è trovato suo malgrado  al centro di un disastro morale e fisico che lo vedrà sentire su di se per tutta la vita il peso di essere stato trasformato in un uomo che ne ha ucciso un altro, mentre lui era soltanto un padre di famiglia e gran lavoratore.

Non è bastata la lezione del povero singor Ermes Mattielli condannato a risarcire i rom che erano entrati nella sua riclicleria e ai quali lui aveva sparato per difendersi???? E subito dopoo è morto di crepacuore?   Come mai i magistrati che lo hanno condannato non sono stati indagati? Complimenti magistrati, molti complimenti!!! Continuate così e avrete tutti gli italiani che vi odieranno sempre di più perchè forse non lo sapete ma già vi odiano per il doppiopesismo che utilizzate nei confronti della povera gente onesta e dei ladri rapinatori e assassini veri, per volontà di ledere e non per difesa.

Quando in questo povero paese malato di una magistratura che crede nella propria infallibilità e si pone al di sopra della giustizia, e vuole pesare col misurino la legittima difesa finirà questa sequela di mala giustizia? Come fanno a non capire che il signor Mario non solo siè sentito violato nella sua casa-lavoro, ma si è anche sentito violato fisicamente e provate ad immaginare il terrore che deve aver provato aggredito al buio in casa propria…. visto il risultato dell’aggressione da lui subito. Le botte sono in bella mostra, ma questo ai magistrati non sembra interessare,  preferiscono coinvolgere gli altri rapinatori mascalzoni e magari far loro ottenere un rimborso, coisì come è già tragicamente accaduto, ma che è costato poi la vita di un’altra povera vittima, grazie a uno Stato che non difende e non protegge i suoi cittadini onesti, anzi li perseguita e non la smette di farlo, con qualunque vestito o toga questa persecuzione avvenga avviene sempre ad opera delle cariche istituzionali che si dovrebbero vergognare di quello che fanno.

Se l’acquisiszione dei fatti è doverosa, non lo è certo la persecuzione e qui siamo nuovamente di fronte all’ennesima persecuzione di una brava persona che oggi ha la sua vita e quella dei suoi famigliari comletamente stravolta.

Grazie Istituzioni de cazzo, grazie per quello che fate continuamente alle vittime vere e non alle presunte, se i rapinatori anzichè rapinare fossero andati semplicemente a lavorare, non avrebbero dovuto violare in piena notte quell’esercizio, e non avrebbero abusato della loro forza (visto che erano ben in 4) non sarebbe sucesso nulla, ma visto che lo sanno che in Italia i delinquenti, meglio se stranieri, la fanno sempre franca, chi glie lo fa fare di comportarsi da brave persone?

Adriana Bolchini – Lisistrata

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *