ENNESIMO CASO DI STRAGE ISLAMICA CONTRO I CRISTIANI COPTI IN EGITTO

Egitto: nuova barbarie islamica contro i cristiani che stavano celebrando gli ulivi in due chiese copte.

 Non passa anno che in Egitto non si verifichino delle stragi con assalto alle chiese cristiane e al successivo massacro di persone che hanno la sola colpa di non essere islamici.

Le date preferite, sono quelle che coincidono con la natività e la Pasqua, ma guarda un po’…….

Ma niente paura il papa si dichiara vicino ai cristiani d’Egitto, peccato che era solo vicino e non era dentro quella chiesa assieme ai cristiani massacrati dalla furia d’odio che anima l’islam contro tutti i non islamici, almeno avrebbe potuto scoprire di persona quante cazzate sull’islam religione di pace ha sostenuto fino ad ora, dichiarando anche che il terrorismo islamico non è islamico, ma è solo terrorismo, perché spesso i terroristi hano avuto la loro natività in paesi occidentali, confondendo perciò da perfetto ignorante la nazionalità, con la religione.  Chi uccide in nome di Allah è islamico e non si discute, non importa se è nato in Belgio o in Finlandia, in Inghilterra, in Egitto o in Arabia Saudita; è la religione islamica che fa la differenza, non la nazionalità..

Non ho più voglia di aggiungere commenti, perché quello che penso e che so dell’islam è che l’odio fa parte della sua cultura e lo si trova scritto nel corano che è un libro di morte e non è certo un libro di ispirazione spirituale, al contrario è indirizzato ad ogni aspetto della vita, anche a quelli che non dovrebbero riguardare la religione, come la legge chiamata shari’a  la vita sociale compreso l’alimentazione, l’odio e la discriminazione con conseguente persecuzione di tutti i non islamici e persino la guerra, per cui nel corano è contemplata la menzogna come mezzo per arrivare a raggiungere i propri scopi anche se sono illegittimi, purchè fatti e portati avanti nel nome di Allah, mettendo sulle spalle di dio tutte le responsabilità delle azioni che commettono gli islamici, strutturate e incrementate da quanto quello che viene definito il profeta, cioè  quello che Maometto è stato in grado di dettare e ciò che non ha dettato lui lo hanno fatto i suoi seguaci, perpetuando odio e disperazione in tutto il mondo ove si insinua un seme islamico.

Altro che religione di pace, ove c’è islam c’è guerra, odio disperazione e distruzione e sarà sempre così finchè l’islam sarà lasciato libero di prosperare sulla pelle altrui.

L’immagine e l’articolo originale lo trovate su SKY EVENING NEWS

Adriana Bolchini – Lisistrata

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *