Gli Stati Uniti lanciano la “madre di tutte bombe” sull’Afghanistan

Filed under: Asia |

Gli Stati Uniti hanno sganciato una bomba sull’Afghanistan orientale. Si tratta di una cosiddetta bomba MOAB (la sigla significa ‘Massive ordnance air blast’, ma è stata ribattezzata “mother of all bombs” ovvero “madre di tutte le bombe”), che pesa quasi 10 tonnellate e ha la forza di distruggere tutto nel raggio di centinaia metri. Una di queste bombe costa 14,6 milioni di dollari. Sarebbe la prima volta che viene utilizzata in combattimento.

Gli Usa: “Colpiti tunnel e grotte usate dall’Isis”

L’attacco è avvenuto nella zona di Nangarhar, con l’obiettivo di colpire i tunnel dell’Isis e i miliziani nel distretto di Achin molto vicino al confine con il Pakistan. Il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer ha confermat che gli Stati Uniti hanno colpito l’Afghanistan sganciando una bomba per colpire “tunnel e grotte usate dai miliziani dell’Isis”. Spicer ha quindi sottolineato che nell’azione “sono state prese tutte le precauzioni per evitare vittime civili e danni collaterali”, rimandando poi al Pentagono per ulteriori dettagli.

Trump avverte la Corea del Nord

L’attacco all’Isis in Afghanistan è stato interpretato da alcuni analisti come un avvertimento per la Corea del Nord. ”Sono convinto che la Cina si occuperà adeguatamente della Corea del Nord. Ma se non saranno in grado di agire, gli Stati Uniti, con i loro alleati lo faranno”, ha scritto il presidente americano, Donald Trump, su Twitter. L’ambasciata nordcoreana a Mosca ha fatto sapere di essere a conoscenza del piano americano per attaccare preventivamente le testate nucleari e si dice pronta a reagire.

http://notizie.tiscali.it/esteri/articoli/usa-sganciata-madre-bombe/

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *