Contratto da 11 milioni, Fazio fa la vittima: “Contro di me polemiche violente”

Filed under: Cronaca |

Superato lo scoglio del tetto ai compensi per i personaggi della Rai, Fabio Fazio, da sempre in prima linea per difendere gli stipendi dei big, è stato non solo confermato nell’azienda di Viale Mazzini ma anche ‘valorizzato’ passando alla prima rete dopo anni di lavoro su Rai 3.

Dopo le polemiche suscitate dal maxicompenso di 11,2 milioni di euro in 4 anni (2,8 milioni di euro all’anno) che percepirà in base al nuovo contratto, il conduttore è intervenuto direttamente sulla questione per rispondere alle polemiche che lo hanno coinvolto.

“Mi dispiace che un passaggio (da Rai1 da Rai3, ndr) così importante per me debba essere seguito da un discorso non televisivo”, ma con “polemiche inusuali, con una violenza verbale, venute anche da alcune istituzioni, che mi sono state sollevate addosso” – sono le parole di Fazio riportate da Adnkronos – “secondo me c’è qualcosa che non va”.

“Dalla Rai ho avuto una proposta molto importante e sono molto contento di aver ricevuto questa offerta in extremis e di restare” ha detto ancora a margine della presentazione a Milano dell’offerta Rai dell’autunno 2017.

“Io mi sono speso in prima persona per difendere la Rai, magari l’ho fatto con ingenuità” – ha aggiunto a proposito della questione ‘tetti stipendi’ – “Conosco il valore di questa azienda, delle 13mila persone che lavorano in Rai, ho tentato di restare fino alla fine. Io avevo un impegno preso altrove che partiva dal 23 giugno, il contratto Rai mi è stato presentato il 22 giugno”.

Fazio, poi, che si è detto “molto contento” del contratto in extremis, ha specificato di non aver mai dichiarato che quell’impegno fosse con La7 e ha concluso: “Penso che la Rai non sia ingenua e se mi ha proposto questo contratto avrà stabilito quanto vale il ‘ritorno'”.

http://www.today.it/media/fabio-fazio-rai-contratto-polemiche.html

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *