Battisti, la lagna dell’ex terrorista: “L’estradizione è una condanna a morte”

Filed under: Cronaca |

“L’estradizione è una condanna a morte”. Così Cesare Battisti in un’intervista a ‘O Estado de Sao Paulo’, sulla possibilità di una sua estradizione in Italia. Sul procedimento legale che dovrebbe portarlo a scontare la sua pena in Italia, l’ex terrorista afferma che i suoi legali ancora “non sanno niente”, perché le autorità brasiliane ancora “non hanno fornito nulla”.

“Non sappiamo su cosa si baserà l’ufficio legale della presidenza in modo che io possa essere estradato”, aggiunge Battisti. “Non so se il Brasile voglia macchiarsi sapendo che il governo e i media hanno creato questo mostro in Italia. Mi consegneranno alla morte”, afferma l’ex terrorista condannato in Italia a quattro ergastoli. (AdnKronos)

Battisti ha detto di non sapere “su cosa si basi” l’ufficio legale della presidenza della Repubblica brasiliana per giustificare una sua possibile estradizione. I suoi avvocati, ha aggiunto, stanno ancora aspettando che i ministeri competenti forniscano le informazioni al riguardo

I suoi avvocati si sono detti convinti che il presidente brasiliano, Michel Temer, non autorizzerà l’estradizione in Italia dell’ex terrorista. “Siamo fiduciosi che il presidente della Repubblica, noto docente di Diritto costituzionale, rispetterà le norme brasiliane, nonostante le pressioni politiche interne ed esterne”.

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *