UE, Mogherini: “aiuti ai palestinesi per 42,5 milioni di euro”

Filed under: Europa,UE |

BRUXELLES, 31 GEN – “Un nuovo piano di aiuti ai palestinesi da 42,5 milioni di euro”. Lo ha annunciato l’Alto rappresentante della politica estera Ue Federica Mogherini in occasione della sessione straordinaria del Comitato di collegamento ad hoc (Ahlc). Mogherini ha poi ribadito la “soluzione a due Stati”, che sia “negoziata da tutte le parti”.

Il pacchetto di assistenza include 14,9 milioni di euro per le attività a Gerusalemme est per preservare il carattere palestinese della città e contrastare il deterioramento degli indicatori socioeconomici che includono la povertà diffusa, precisa la Commissione Ue. I progetti si concentreranno su azioni di patrocinio e protezione, gioventù e istruzione e sostegno al settore privato. 27,6 milioni serviranno a sostenere la costruzione di uno Stato palestinese democratico e responsabile attraverso riforme politiche mirate, consolidamento fiscale, rafforzamento delle imprese e delle Pmi, rafforzamento della società civile palestinese e fornitura di accesso all’acqua e all’energia. (ANSA)

(ANSAmed) – BEIRUT, 31 GEN – I responsabili per il Libano e la Siria dell’Unwra, l’agenzia dell’Onu per l’assistenza ai profughi palestinesi, hanno lanciato oggi un appello per la raccolta di 409 milioni di dollari necessari per gli aiuti ai palestinesi colpiti dalla guerra civile in Siria, compresi quelli costretti a fuggire in Libano e Giordania. L’appello fa seguito alla decisione annunciata dal presidente americano Donald Trump di tagliare sostanzialmente i finanziamenti all’Unrwa, di cui gli Usa sono stati finora i primi contributori. I palestinesi sono tra i più colpiti dal conflitto civile siriano. Dei 438.000 che si stima rimangano nel Paese, oltre il 95 per cento necessita di assistenza umanitaria di base. Quasi 254.000 sono sfollati interni e 56.600 sono intrappolati in località di difficile accesso. Inoltre, più di 120.000 rifugiati in Siria sono fuggiti dal Paese, compresi 32.500 arrivati in Libano e 17.000 in Giordania.

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *