Macron: No egoismi nazionali. Rischio guerra civile in Europa

Filed under: Europa |

“Una forma di guerra civile europea riappare”. Così il presidente francese Emmanuel Macron, intervenendo nella sessione plenaria dell’Europarlamento a Strasburgo, mettendo in guardia dagli “egoismi nazionali”.

“Rifiuto quest’idea, che guadagna terreno in Europa, secondo la quale la democrazia sarebbe condannata all’impotenza. Di fronte all’autoritarismo, che ci circonda dappertutto, la risposta non è la democrazia autoritaria, ma l’autorità della democrazia”, ha detto Macron.

“Servono risposte chiare e ferme ai nostri cittadini”, ha aggiunto il presidente francese, che dimostrino “che li sappiamo proteggere. In questo momento la democrazia europea, lo credo profondamente, è la nostra chance migliore. Il peggiore degli errori sarebbe abbandonare il nostro modello, cioè la nostra identità”.

“La nostra identità è la democrazia rispettosa dell’individuo, delle minoranze, dei diritti fondamentali, quella che si chiama, con un nome che rivendico, la democrazia liberale. Non voglio che si radichi questa illusione mortifera che precipiterebbe il nostro continente nel baratro. L’illusione dei poteri forti, dei nazionalismi, dell’abbandono delle libertà”, ha continuato.

Oggi “viviamo un contesto di divisioni e a volte di dubbi all’interno dell’Europa. Un contesto in cui la Brexit continua ad essere discussa, e voglio qui salutare il lavoro condotto da mesi da Michel Barnier, ma che è anche quello di un dubbio che c’è in diversi Paesi d’Europa e che ha fatto emergere delle sensibilità che a volte rimettono in discussione quelli che apparivano come dei fondamentali”.

“Una forma di guerra civile europea riappare – ha continuato Macron – a volte i nostri egoismi nazionali ci appaiono più importanti di quello che ci unisce, di fronte al resto del mondo. Un contesto in cui la fascinazione illiberale aumenta ogni giorno che passa. Un contesto in cui le minacce geopolitiche di cui l’Europa” si deve occupare “divengono più grandi ogni giorno. Quelle dei grandi conflitti internazionali, ma anche con l’emergere di grandi potenze autoritarie e di una strategia chiaramente elaborata, che mira a rimettere in discussione il quadro multilaterale in cui l’Europa aveva preso il suo posto e che è il quadro in cui ha costruito la sua influenza, ma anche la pace”. ADNKRONOS

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *