“Voleva lanciarsi in auto sulla folla”, arrestato ‘richiedente asilo’

Filed under: Terrorismo |

Un migrante del Gambia è stato arrestato a Napoli nel corso di un’operazione antiterrorismo condotta da polizia e carabinieri. A quanto si è appreso dalle indagini coordinate dalla Procura sarebbe emerso il progetto di un attentato. L’uomo aveva chiesto asilo politico ma la pratica per la concessione era ancora in valutazione.

Lo straniero avrebbe ammesso di aver ricevuto la richiesta di lanciarsi con un’auto sulla folla. Si chiama Alagie Touray, 21 anni, ed era sbarcato a Messina con altre centinaia di migranti il 22 marzo 2017. Da un anno risiedeva a Pozzuoli (Napoli). ANSA

In particolare Alagie Touray – questo il nome del 21enne gambiano – aveva giurato fedeltà al califfo Abu Bakr al-Baghdadi, capo riconosciuto dell’Isis. Da cieca un anno era a Pozzuoli in un centro d’accoglienza grazie a un foglio di soggiorno provvisorio, scrive Il Giornale

“L’arresto fa cadere il castello di menzogne messo in piedi in questi anni dal Pd e dalla sinistra“, accusa Paolo Grimoldi (Lega), “Eccoli i poveri profughi: un jihadista che aveva giurato fedeltà all’Isis e che stava preparando attentati in Italia, dove era ospitato da un anno in un centro di accoglienza. Per anni il Pd e la sinistra boldriniana si sono riempiti la bocca di accoglienza verso chi fugge dalla guerra: questo gambiano non fuggiva da nessuna guerra e voleva farci un attentato a casa nostra. Ecco cosa ci hanno messo in casa i Governi del PD, abbiamo speso 15 miliardi per inocularci le metastasi del cancro del terrorismo islamico. Per la serie chi è cagion dei suoi mali…

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *