Pozzallo: 20 immigrati bloccano auto di una donna a calci e pugni

Filed under: Cronaca |

piange48 mar – Paura ieri pomeriggio, venerdì 7 marzo, per una giovane donna di Scicli, mentre percorreva la Pozzallo-Marina di Modica, nei pressi dello svincolo per Maganuco è stata accerchiata da un gruppo di immigrati, presumibilmente ospiti del CPA di Pozzallo.

La donna che viaggiava con la propria autovettura e con a bordo i suoi genitori, in direzione Scicli, è stata costretta a rallentare la marcia sino ad arrestarsi trovando la corsia occupata da circa 20 persone, tutti immigrati, che hanno accerchiato il veicolo e hanno iniziato a dare calci e pugni, nella carrozzeria, nei vetri, a ridere e urlare

Sono stati attimi di grande paura per la giovane donna, N.F. (le iniziali) e per i suoi parenti; dopo qualche attimo di smarrimento è riuscita a ripartire e mettersi in salvo.

“Non scorderò facilmente quelle risate e gli schiamazzi di quegli uomini – dice la malcapitata -, i calci verso la mia macchina che ha subìto evidenti danni alla carrozzeria. Ma tantissima è stata la paura … non so ancora come sono riuscita a far ripartire il veicolo e scappare. Non voglio pensare a cosa sarebbe potuto accadere se avessero aperto la portiera. Io e miei familiari siamo ancora sotto shock!”.

Il fatto è stato denunciato ai Carabinieri di Scicli.

http://www.novetv.com/?p=49390&fb_source=message

Share This Post

DiggGoogleTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

 

7 Responses to Pozzallo: 20 immigrati bloccano auto di una donna a calci e pugni

  1. STA DIVENTANDO UN DIRITTO UCCIDERE PER EVITARE DI ESSERE AGGREDITI E NON SI SA COME VA A FINIRE

    giancarloetrusco@gmail.com
    10/03/2014 at 12:08
    Rispondi

  2. questo è il ringraziamento di questi bastardi, che li abbiamo aiutati a non ANNEGARE.è i piu’ bastardi sono quelli che li lasciano girovagare in giro come zombi,mettendo in pericolo tuttiiiiiiiiiiiii , specialmente i nostri figli li devono a tutti rimpatriare devono aiutare solo donne è bambini. tutti sti delinquenti, e anche delinquenti chi non fa nulla. IO AVREI SCHIACCIATO ANCORA DI PIU’ L’ACCELERATORE NON MI SAREI FERMATA .

    irene
    10/03/2014 at 13:14
    Rispondi

  3. Devono mandarli VIAAAAAAAAAAAAAAAA tutti !!! basta nessuna pietà contro chi invece di ringraziare per l’ospitalità e il mantenimento si permette di aggredirci e di fare i padroni a casa nostra! Devono lasciare Pozzallo ormai il porto è diventato uno SCHIFO…sono ammassati lì dentro e fanno il buono e il cattivo tempo senza nessun controllo..dove sono le forze dell’ordine che dovrebbero controllarli e tutelare NOI ??? dicono che vedono la Sicilia come una dogana da oltrepassare per poter raggiungere i loro parenti nei vari Paesi Europei ma io mi chiedo perchè li tratteniamo, lasciamoli andare dove vogliono invece di tenerli rinchiusi come delle bestie affamate che appena hanno un briciolo di libertà impazziscono e sfogano la loro rabbia e frustrazione in atti del genere!!! Solidarietà alla famiglia.

    stella
    10/03/2014 at 19:06
    Rispondi

  4. Commenti da persone civili, tanto quanto l’azione compiuta. Complimenti, tanto agli extracomunitari, quanto ai commentatori.

    Gianmatteo Spadaro
    10/03/2014 at 20:09
    Rispondi

  5. Forse gli stessi che ho rischiato di investire quel giorno sulla bretella autostradale tra Sampieri e Pozzallo che camminavano contromano in corsia di sorpasso …. Avevo telefonato al 113 facendo la segnalazione …Evidentemente non è servita …. !!! Stato assente !!!

    Valerio
    10/03/2014 at 22:24
    Rispondi

  6. Io la colpa non la do alloro xche šono esseri umani come noi la colpa e di governna io li metterei nelle loro proprieta li madenirebbero loro con ? suoi soldi e non con ? soldi e di noi poveri italiani che ci stanno affondando e loro stanno trancqilli mendre litaliani affondono. E cqesto. E la politica e lo stato italiano con cqeste parole. finisco

    antonio
    26/04/2014 at 21:41
    Rispondi

    • si d’accordo ma la prepotenza e la violenza sono proprio loro che la mettono in pratica

      Redazione
      30/04/2014 at 00:33
      Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>